Regolamento del ccTLD “sm”

Utilizzo del nome a dominio

Un nome a dominio viene assegnato in uso dalla RA alla entità richiedente. Tale nome a dominio non è pertanto mai ceduto in proprietà, né su tale nome la entità assegnataria potrà vantare diritti commerciali o di proprietà.

Il nome a dominio resta comunque una entità distinta dai nomi registrati o depositati.
Il nome a dominio costituisce una entità per identificare univocamente dei gruppi di oggetti (servizi, macchine, caselle postali, etc...) presenti sulla rete, descrivendo in modo il più possibile intuitivo la natura e/o la collocazione degli oggetti di rete stessi. Il nome a dominio non costituisce alcuna indicazione della importanza, globalità o disponibilità dei servizi o delle entità che esso identifica. In altri termini, "un nome a dominio à un nome a dominio e nulla altro". Ogni ulteriore attribuzione di significato ad un nome a dominio è questione al di fuori delle competenze della RA, che si limiterà a segnalare i possibili casi di ambiguità.

Non rientra nei compiti dalla RA stabilire il diritto all'uso di un marchio o di un nome registrato all'interno di un nome a dominio. Tenendo conto delle natura differente ed autonoma di un nome a dominio rispetto ad ogni altro oggetto, sarà compito della entità richiedente il nome a dominio accertarsi del diritto all'uso in campi differenti del marchio o nome registrato stessi.